Porcelain Young Girl ESSEVI by SANDRO VACCHETTI Lenci

  • Sold for: Start FREE Trial! or Sign In to see what it's worth.
  • Item Category: Ceramics
  • Source: eBay
  • Sold Date: Jun 16,2008
  • Channel: Online Auction
Porcelain Young Girl ESSEVI by SANDRO VACCHETTI Lenci Stupendous and large statue of a woman in costume pulling up the petals of a daisy flower for love. Made by the famous Essevi factory (Torino, Italia), sculptor Sandro Vacchetti (1889-1976). on the dress he has the petals of the daisy. Size: high 34 cm, wide 34 cm and depth 35 cm. In Perfect conditions. In 1919, Sandro Vacchetti began to work in LENCI. In 1922, Sandro Vacchetti was appointed artistic director of the great house of Turin. In 1934, Sandro abandons the "Lenci" to open its own manufacturing of ceramics, "Essevi ', which draws its name from his initials, and whose laboratories were based in Turin, at number 37 in via Cassini.

ESSEVI

La «Essevi» viene fondata a Torino nel 1934, da Sandro Vacchetti, dopo una lunga esperienza quale direttore della Hars Lenci, di Elena Scavini.
Appena dodicenne, nel 1901, Sandro aveva lasciato la natia Carrù per raggiungere a Torino i suoi fratelli maggiori, Pippo ed Emilio, già da tempo studenti di pittura all'Accademia Albertina. Nello studio dei fratelli, in corso San Maurizio, Sandro conobbe Matteo Oliviero, che lo seguì nella sua prima formazione artistica, integrata poi dai corsi serali di disegno e nudo, all'Accademia Albertina.
Il talento artistico di Sandro si espresse prestissimo, con una serie di disegni ed oli, prevalentemente paesaggi e soggetti femminili.
Nel 1914, trasferitosi in America, si impiegò come illustratore pubblicitario e litografo. Rientrato in Italia in seguito ai fatti bellici, nel 1919, ad una festa di artisti, conobbe Enrico Scavini, proprietario della «Lenci», già affermata manifattura di bambole. Scavini, notato il talento e la creatività del giovane Sandro, lo invitò a collaborare nella sua fabbrica come decoratore e modellatore, affiancando artisti di grande talento.
Nel 1922, Sandro Vacchetti viene nominato direttore artistico della grande casa torinese. Sarà proprio sotto la sua direzione, che la «Lenci» conoscerà il suo massimo splendore, partecipando ad importanti mostre come l'Internazionale di Arti Decorative Moderne del 1925 a Parigi, a Monza nel 1927, alla Gallows Gallery di Londra nel 1929, in occasione della quale, sulla rivista «The Studio», in copertina, viene pubblicata una Madonna di Sandro Vacchetti.
Nel 1934, Sandro abbandona la «Lenci» per aprire una propria manifattura di ceramica, la «Essevi», che trae nome dalle sue iniziali, ed i cui laboratori ebbero sede a Torino, al numero 37 di via Cassini. Vacchetti, si avvalse della collaborazione di Nello Franchini, Giovanni e Ines Grande, Otto Maraini, Giovanni Taverna, Alessandro Mola, Renata Ponti, per citare i più noti fra gli artisti e ceramisti, iniziando una produzione, che di fatto però, non si discostò di molto da quella della casa «Lenci».
"La produzione della Essevi, i cui estremi cronologici vanno dal 1934 al 1952, coincide con un momento molto prolifico della carriera dell'artista, che arricchisce il già ricco repertorio figurativo della manifattura precedente introducendo nuovi decori ed intelligenti modifiche." (Maria Grazia Gargiulo, 2005)
"Malgrado l'attenta supervisione del Vacchetti, ampio margine di libertà era lasciato alla creazione dei modelli.
La documentazione che è possibile reperire sugli esemplari stessi, oltre al titolo, alla data e al marchio dell'artista, poteva comprendere anche la dicitura Foreign quando il pezzo era destinato all'esportazione." (Maria Grazia Gargiulo, 2005)
Prosegue la Gargiulo in Sandro Vacchetti e la ESSEVI, Ceramiche del Novecento Italiano:
"Con la nuova manifattura ha modo di emergere la cifra stilistica più propria del Vacchetti e la sua autonomia espressiva, tutta evidente nella sottile differenza tra le ceramiche ideate per la Lenci e quelle per la Essevi: più austere le prime, risentendo queste del carattere algido e della cultura nordica della proprietaria; più spiritose e leziose le seconde, come può ben rivelare un confronto fra le tipologie di visi in ceramica realiz...

Items in the Worthopedia are obtained exclusively from licensors and partners solely for our members’ research needs.

Relevant Articles